TOP 10+1 citazioni (false) di Albert Einstein

Oggi, 18 Aprile 2017, è il 62 esimo anniversario della morte del fisico più famoso del mondo: Albert Einstein.

Qui sotto trovate la top 10+1 delle dieci citazioni più celebri attribuite erroneamente al genio della Relatività.

Spesso le citazioni vengono usate dal pubblico per dare convincenti soluzioni alle tesi più disparate ma, nella maggior parte dei casi, si ignora il contesto storico (e non solo) nel quale quelle amate citazioni vengono recitate e, ancor più spesso, si ignora il fatto che molto probabilmente non sono neppure attribuibili al personaggio che si pensa le abbia pronunciate per la prima volta.

Ma ora andiamo a vedere le 10+1 citazioni (e ne esistono molte altre) che fanno rivoltare nella tomba il povero Albert.

.

.

10+1. “Niente aumenterà le possibilità di sopravvivenza della vita sulla Terra quanto l’evoluzione verso un’alimentazione vegetariana.”

Questa citazione non sarebbe del tutto falsa ma semplicemente mal tradotta. La traduzione corretta recita:

“Uno stile di vita vegetariano, per il suo effetto puramente fisico sul temperamento umano, avrebbe la più benefica influenza sulle sorti dell’umanità.”

10. “L’istruzione è ciò che rimane dopo che si è dimenticato tutto ciò che si era imparato a scuola.”

9. “Le coincidenze sono il modo di Dio per rendersi anonimo.”

8. “Soltanto chi mette a prova l’assurdo è capace di conquistar l’impossibile.”

7. “Non tutto quel che conta può essere contato e non tutto quello che può essere contato conta.”

6. “Dio non gioca a dadi con l’Universo.” Frase incompleta, decontestualizzata ed estrapolata da una conversazione col fisico Niels Bohr.

5. “Le menti sono come i paracadute: funzionano solo quando sono aperte.”

4. “Follia è fare sempre la stessa cosa ed aspettarsi risultati diversi.”

3. “Se l’ape scomparisse dalla faccia della terra, all’uomo non resterebbero che quattro anni di vita.”

2. “Temo il giorno in cui la tecnologia andrà oltre la nostra umanità: il mondo sarà popolato allora da una generazione di idioti.”

1. “Non so con quali armi si combatterà la Terza guerra mondiale, ma posso dirvi cosa useranno nella quarta: pietre!”

Ora vi lasciamo con una citazione (vera) di Albert Einstein pronunciata nel 1955 (anno della sua morte) che mai come in questo periodo può essere tanto azzeccata:

“Non pretendiamo che le cose cambino, se facciamo sempre la stessa cosa. La crisi è la migliore benedizione che può arrivare a persone e Paesi, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dalle difficoltà nello stesso modo che il giorno nasce dalla notte oscura. È dalla crisi che nasce l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera se stesso senza essere superato. Chi attribuisce alla crisi i propri insuccessi e disagi, inibisce il proprio talento e ha più rispetto dei problemi che delle soluzioni. La vera crisi è la crisi dell’incompetenza. La convenienza delle persone e dei Paesi è di trovare soluzioni e vie d’uscita. Senza crisi non ci sono sfide, e senza sfida la vita è una routine, una lenta agonia. Senza crisi non ci sono meriti. È dalla crisi che affiora il meglio di ciascuno, poiché senza crisi ogni vento è una carezza. Parlare della crisi significa promuoverla e non nominarla vuol dire esaltare il conformismo. Invece di ciò dobbiamo lavorare duro. Terminiamo definitivamente con l’unica crisi che ci minaccia, cioè la tragedia di non voler lottare per superarla.”

Albert Einstein (1955)

Fonti:

lcavicenza.wordpress

it.wikiquote.org


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Comments

comments